Fiesta

di LetteraL

     (THE SUN ALSO RISES)

LA MATTINA ESCO ALLO SCOPERTO
E DA INFERMO PERFETTO, 
SOSTO INERME DAVANTI ALLO SPECCHIO:
NUDO, AMMIRO CON COSTERNAZIONE
I TRATTI PIU' INCIPIENTI 
DI UNA NUOVA EMANCIPAZIONE.
LIBERAZIONE DALLA PROTEZIONE
CHE IERI MI CORAZZAVA E MI 
DIFENDEVA SENZA STREGUA.

INDIGENA LA MIA NUOVA FRUSTRAZIONE
E DI CARTONE SONO LE ALI DELLA MIA COMMOZIONE
CHE DIVENTANO PASTA MOLLE
PER I DIAVOLI DIETRO LA PORTA
E NON HO ALCUN KIT DI SCORTA
UN'ALTRA VOLTA PER QUESTA BABELE EMOTIVA;
SENSITIVA LO E' DIVENTATA MIA MADRE
CHE DA UNA VOCE LONTANA MI DICE
"GUARDA CHE SI CAPIVA" .

LA REFURTIVA CHE LASCIO A MIO NOME
NON AVRA' ALTRO DESTINO
CHE UNA TRISTE CAPITOLAZIONE
E CESTINO TUTTI I FOGLI DI CARTA
MENTRE CON LA MENTE RIEMPIO IL MONDO DI PIANTE
E SENZA COLORANTE DIPINGO LA MIA VITA CIRCOSTANTE.
IPNOTIZZANTE QUEL RIFLESSO ABBACINANTE
DEL SOLE CHE DAVANTI A ME RISPLENDE
E  RIPRENDO I CONTATTI CON UNA VITA
CHE VA VISSUTA IN OGNI SUA MINUTA E SPARUTA BENEDIZIONE, FINCHE' LA COMMOZIONE
NON MI SALE FINO ALLE CIGLIA 
E ALLENTA LE BRIGLIE DI UNA NUOVA AMBIZIONE.


Parrot Jungle, Miami (14)








Metro: versi liberi.  Rime: irregolari.